Ti trovi in  > Home > Dettaglio notizie

Online il nuovo video sulla Baraggia, dalla Riserva Naturale alle coltivazioni di mais e riso.

Ai piedi del Monte Rosa vi è un luogo in cui la natura incontaminata incontra il sapiente lavoro di bonifica dell'uomo. La Baraggia.

ll territorio della Baraggia Biellese e Vercellese è un’area pedemontana situata al confine nord-est del Piemonte, nelle province di Vercelli e di Biella, che dalle prealpi del Monte Rosa si sviluppa verso il piano a terrazzi. E’ delimitata ad ovest dalla Serra Morenica di Ivrea di origine glaciale e ad est dal fiume Sesia. I terreni sono generalmente ricchi di argilla, compatti, asfittici e poveri di Humus, privi quasi del tutto di circolazione idrica superficiale. Proprio a causa di queste particolari caratteristiche, che hanno reso difficile nei secoli scorsi la conversione del territorio a terreni agricoli, il 16 luglio 1922 il Decreto del Ministero per l’Economia Nazionale definì il comprensorio di Baraggia “territorio di bonifica” da assoggettare a trasformazione economica e sociale di pubblico interesse. Il 9 dicembre 1950, con decreto n. 3862 a firma del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, venne costituito il Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese, ente pubblico economico incaricato di operare su quest’area depressa mediante opere di bonifica e di miglioramento fondiario. Oltre alla sistemazione e allo spianamento dei terreni ad uso agricolo, il Consorzio realizzò opere infrastrutturali, dalle strade di collegamento all’elettrificazione dei centri rurali. A partire dagli anni Sessanta lavorò incessantemente per la costruzione di tre grandi opere pubbliche, ossia i bacini di accumulo con gli invasi realizzati sui torrenti Ostola a Masserano, Ravasanella a Roasio e Ingagna a Mongrando. Questi tre grandi laghi artificiali forniscono i mezzi irrigui all’agricoltura, garantendo anche durante la stagione estiva e i periodi siccitosi la disponibilità di acqua necessaria ai consorziati del comprensorio di Baraggia. L’irrigazione delle colture, prevalentemente riso e mais, avviene tramite la canalizzazione dei i corsi d’acqua che scendono dalle Alpi e Prealpi: il fiume Sesia, che scende dai ghiacciai del Monte Rosa, i torrenti Cervo ed Elvo, insieme ad altri torrenti minori che derivano dalle Prealpi e dalle tre dighe sui torrenti Ostola, Ravasanella e Ingagna. Più di 2.500 ettari di mais irrigati a pioggia e circa 22.000 ettari di risaia, dove nasce il primo e unico riso DOP italiano, si alternano nel comprensorio a vaste praterie e brughiere, dove sono presenti anche sporadici alberi e vallette boscate. Nelle Riserva Naturale delle Baragge il paesaggio colpisce immediatamente per la sua semplicità ed il suo equilibrio di spazi e forme, per il suo apparire senza confini, esteso all’infinito, per questo anche definito “la savana d’Italia”. Posta dalla Regione Piemonte sotto la tutela dell’Ente di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore, ila Riserva delle Baragge offre scorci spettacolari tra l’estate e l’autunno: allo sfolgorante e diffuso colore dorato dell’erba si alternano macchie rosa tipiche del brugo e il marrone delle felci aquiline. Dal punto di vista escursionistico, le Baragge presentano una fitta rete di facili sentieri e stradine sterrate, ideali per passeggiate e trekking e molte delle quali percorribili in mountain-bike o a cavallo. Sul sito dell’Ente Parco è possibile accedere alla mappa che evidenzia gli accessi al pubblico: http://www.parcoticinolagomaggiore.it/ente-gestione-aree-protette-baragge-bessa-brich/mappa-ente-baragge-bessa-brich/

Ringraziamo per la disponibilità durante la realizzazione delle riprese video e fotografiche il Vice Presidente dell’Ente di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore Vincenzo Tribuzio e i Funzionari Responsabili di Vigilanza Agostino Pela per l’area Territoriale Sesia e Gianni Innocenti per l’area Territoriale Bessa Burcina.

Trovate il video realizzato presso la Riserva Naturale delle Baraggie, i campi di mais e le risaie della Baraggia sul nostro canale You Tube.
 

Fonte dati:

http://www.parcoticinolagomaggiore.it/

http://www.risobaraggia.it/

 

 

Menu

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA BARAGGIA BIELLESE E VERCELLESE
Via Fratelli Bandiera 16, 13100 Vercelli
Telefono: 0161/283811 - Fax: 0161/257425
email: segreteria@consorziobaraggia.it consorziobaraggia@legalmail.it 

C.F. e P. IVA 02199110020